TODO TENDRIA SENTIDO SI NO EXISTIERA LA MUERTE

LA COMMEDIA DOVE IL CORPO SPLENDE

“TODO TENDRÍA SENTIDO SI NO EXISTIERA LA MUERTE”

Testo e regia Mariano Tenconi Blanco // Compagnia Teatro Futuro // Con Lorena Vega, Maruja Bustamante, Andrea Nussenbaum, Juana Rozas, Bruno Giganti, Agustín Rittano

Dopo aver vinto il Premio German Rozenmacher nel 2015, quest’opera debutta ora come coproduzione del F.I.B.A., presentata al Centro Cultural Ricardo Rojas dove la vediamo, in prima nazionale, venerdì 6 Ottobre.

Lo spettacolo è sold out e c’è una lunga fila per entrare in sala che continua anche fuori dal centro culturale, l’età media degli spettatori è sotto i 40 anni.  Il sipario si apre, vediamo una scenografia molto curata e già in scena le due attrici principali, nel bel mezzo di un dialogo dai toni abbastanza accesi. Dopo 5 minuti la sala già risuona delle risate del pubblico, dettaglio non insignificante visto che lo spettacolo dura 3 ore. Per fortuna il testo è una commedia ben scritta, con una trama dagli sviluppi interessanti che fanno scorrere le ore senza troppa fatica.  Ambientata alla fine degli anni ’80 in una cittadina della provincia di Buenos Aires, porta sul palco la storia di una maestra di scuola, madre single che si affaccia alla mezz’età, che scopre di avere una malattia terminale e decide, come ultimo desiderio, di girare un film porno. Coinvolgerà la sorella, puritana e ipocondriaca e una strana ragazza che lavora in una videoteca con la quale, tra feste alcoliche e visite mediche, stringerà un’amicizia che la accompagnerà fino alla fine.

Nonostate la recitazione un po’ forzata e la tensione del debutto, risalta piacevolmente l’interpretazione di Maruja Bustamante e, nella seconda parte dello spettacolo, della protagonista Lorena Vega. Sotto la comicità che fa sbellicare il pubblico dalle risate, il testo di Mariano Tenconi Blanco racconta una storia delicata che mostra come attraverso il calvario della malattia una donna, indurita daglil anni e dalla vita, possa riscoprire il suo corpo e, come un fiore tardivo, sbocciare per morire subito dopo. E allora anche un film porno casalingo può essere sacro e risplendere. E lasciarti con gli occhi lucidi.

Alice Ferranti

#MarianoTenconiBlanco #teatro #fibafestivaldebuenosaires #compañiateatrofuturo #progettobarca #aliceferranti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *